SUCCESSI e INSUCCESSI nell’EDUCARE

 

Parrocchia Madonna della Divina Provvidenza 12 maggio 2010

Il 12 Maggio presso la Parrocchia della Divina Misericordia a Quinto Romano-Milano si è svolto Successi e Insuccessi nell’educare, sono intervenuti Padre Erminio Antonello responsabile del Nord Italia dei missionari Vincenziani e Cesari don Elio Delegato Ispettoriale per la Pastorale Giovanile dei Salesiani. Alla serata erano presenti circa 70 persone.

 

Partendo dalle parole di Benedetto XVI nella Caritas in Veritate nell’educare oggi «va sottolineato un aspetto problematico: per educare bisogna sapere chi è la persona umana, conoscerne la natura. L’affermarsi di una visione relativistica di tale natura pone seri problemi all’educazione, soprattutto all’educazione morale, pregiudicandone l’estensione a livello universale». Certo oggi i ragazzi sono stimolati da tantissimi interessi e oggi più che mai la distanza generazionale sembra più ampia anche per lo sviluppo delle nuove tecnologie in particolare quelle virtuali e una velocità di cambiamento della società molto veloce. Anche la Chiesa in un convegno a Roma si è occupata delle nuove relazioni che oggi non sono solo quelle reali ma anche quelle virtuali. Un aspetto da non stigmatizzare che offre opportunità ma che pone anche nuove problematiche. Inoltre vogliamo porci la domanda dell’incontro con ragazzi difficili, il cosiddetto fenomeno del bullismo, delle esperienze di gruppo e di amicizia che oggi sembrano così condizionanti per i ragazzi e per questo aspetto partiamo da una delle esperienze educative quella Salesiana negli oratori, ad Arese e nei vari ambiti educativi. C’è però in fondo un’altra domanda che anche il papa Benedetto XVI ha ripreso a Viterbo sulla riuscita dell’educare “Ciò non potrà avvenire, però, senza l’opera paziente e qualificata di educatori credibili e autorevoli, capaci di “generare” in un contesto di fiducia, di libertà e di verità. Non ha torto chi sottolinea come l’attuale crisi educativa riguardi primariamente la generazione adulta” perchè a volte i ragazzi sono spiazzati da adulti che non sanno più educare e interagire con loro o che a loro volta sono in crisi.

Dopo questa introduzione di Luca Tanduo, Padre Antonello ha affrontato il tema dell’educazione proponendo una riflessione sui motivi per i quali oggi educare è difficile e la figura dell’educatore               ha perso di autorevolezza. C’è innanzitutto una ragione storica che si può ricondurre al pensiero illuminista che ha messo in crisi visione personalistica che nasce dalla visione cristiana dell’uomo. La domanda centrale è Chi è l’uomo? Per educare bisogna sapere chi è la persona umana, conoscerne la natura. Oggi invece la visione relativistica tende ad soggettivizzare anche il concetto di persona e lo scopo e il ruolo dell’educazione. Quali sono i desideri nel cuore dell’uomo. Come suscitare il desiderio della ricerca? La sfida educativa è e deve essere il coraggio di tornare a educare l’intelligenza e il desiderio verso il bene, il vero, il bello. L’elemento fondamentale è la credibilità dell’educatore sia che sia genitore sia che sia sacerdote sia che sia educatore. Quello di cui abbiamo bisogno è di educatori che sappiano vivere prima di tutto loro stessi il bene. Decisivo è chiedere ai giovani e ai ragazzi impegno ma per qualcosa che sappiamo prima di tutto noi stessi che vale ed è vero per noi. Alcune mamme presenti hanno detto “Ci ha particolarmente colpito l’intervento di Padre Erminio Antonello. E’ stato esplicito ed esaustivo nell’esaltare il rapporto che unisce i genitori ed i loro figli, sottolineando come gli insegnamenti siano vani se non seguiti da azioni e comportamenti che avvallino gli stessi. L’“aria” che si respira nelle nostre mura domestiche, gli scambi di opinione, gli atteggiamenti, le emozioni sono ossigeno che noi trasmettiamo ai nostri figli e che contribuiscono a formare il loro modo di essere. Questo dovrebbe far riflettere la nostra generazione (siamo mamme di circa 40 anni), ad utilizzare i comportamenti dei nostri ragazzi come uno specchio per analizzare in profondità il nostro cuore e la nostra mente. Dovremmo selezionare con attenzione, quali sono le reali priorità, le cose importanti, per le quali vale la pena vivere ogni giorno. Spesso siamo proprio noi genitori, distratti dalla quotidianità a scegliere la via più veloce e meno faticosa per educare i ragazzi glissando i problemi. Deleghiamo ad altri (media, scuola, società sportive, ecc) compiti che invece sono nostri o giustifichiamo le nostre scelte con la solita banale scusa “perché tutti fanno così”. Purtroppo queste nostre azioni sono molto dannose per i giovani. Loro invece sono molto attenti ai nostri comportamenti e decodificano all’istante i nostri atteggiamenti frettolosi, poco coerenti e superficiali”.E’ stato anche evidenziato che i doveri e la fatica per ottenere quello che si desidera, sono necessari ed inoltre non è corretto proteggere sempre i nostri figli, perché in questo modo si trasmette un messaggio di debolezza e di insicurezza. E’ importante che gli adolescenti vivano con la coscienza della nostra fiducia e del nostro rispetto nei loro confronti, e con la certezza che saremo sempre al loro fianco anche quando il cammino sarà faticoso. Padre Antonello ha poi sottolineato come noi dobbiamo mettere al centro del nostro educare e proporre Gesù come maestro di Vita. Come aiutare i ragazzi e i giovani a diventare uomini? Partendo dalla sua esperienza Salesiana don Elio ha presentato il modello educativo di don bosco ancora vero e valido oggi anche se i ragazzi vivono dinamiche diverse e con mezzi diversi, dalle nuove relazioni che oggi non rischiano di essere troppo virtuali. Il problema prioritario che le nostre società moderne devono affrontare è l’educazione. Questa fu l’intuizione di Don Bosco già nel diciannovesimo secolo. Ricordiamoci le parole che pronunciò a Parigi, durante il suo viaggio trionfale del 1883: «Non indugiate nell’occuparvi dei giovani, altrimenti loro non indugeranno ad occuparsi di voi!». Esistono, in estrema sintesi, alcune caratteristiche necessarie per un’opera che sia realmente educativa secondo il cuore di don Bosco:

  1. Creatività di artista per coniugare l’impulso pastorale con l’intelligenza educativa, intimamente uniti tra loro dalla grazia di unità. Un po’ di “santa” pazzia e tanto equilibrio, insieme.
  2. Il giovane è soggetto attivo nella prassi educativa e deve sentirsi veramente coinvolto come protagonista nell’opera che si vuole realizzare. Senza la sua libera collaborazione non si costruisce nulla. Don Bosco coi suoi ragazzi non agiva conquistandoli educativamente, ma condividendo con essi le responsabilità.
  3. Con lo sguardo fisso sull’Uomo nuovo. Il fine che si prefigge l’educazione salesiana è la configurazione all’Uomo nuovo (Cristo) in ogni giovane. Evidentemente ciò non è preso in considerazione dall’educazione laicista.
  4. Prevenire è l’arte di educare in positivo, proponendo il bene in modo attraente; è l’arte di far sì che i giovani crescano dal di dentro, con libertà interiore superando formalismi esteriori; è l’arte di guadagnarsi il cuore affinché camminino con allegria facendo il bene, correggendo deviazioni, preparandosi per l’avvenire
  5. Lo “‘speciale metodo educativo’ di Don Bosco si presenta sempre con tre poli di valori: la ragione, la religione, l’amorevolezza
  6. Con un impegno creativo nei confronti del tempo libero del giovane: “la vita di gruppo è un elemento fondamentale della tradizione pedagogica salesiana”.
  7. Verso il realismo della vita. Una delle caratteristiche della pedagogia di Don Bosco è il suo aspetto pratico, il voler abilitare i giovani alla vita sociale ed ecclesiale; aiutarli a trovare il posto che loro corrisponde nella Chiesa e nella società (dimensione vocazionale).

Paolo Tanduo

 

SUCCESSI e INSUCCESSI nell’EDUCARE

Parrocchia Madonna della Divina Provvidenza 12 maggio 2010

Don Bosco: un vero EvangEducatore

Diceva Jean Duvallet, anziano compagno dell’Abbè Pierre, ai Salesiani: “Voi avete opere, collegi, oratori per giovani, ma non avete che un solo tesoro: la pedagogia di Don Bosco. Rischiate tutto il resto, questi non sono che mezzi, ma salvate la pedagogia. Venti anni di ministero nella rieducazione mi obbligano a dirvi: siete responsabili di questo tesoro. In un mondo in cui gli uomini e i ragazzi sono frantumati, disseccati, triturati, classificati, psicanalizzati, in cui i bambini e gli uomini sono utilizzati come cavie e materie prime, il Signore vi ha affidato una pedagogia in cui trionfa il rispetto del ragazzo, della sua grandezza e della sua fragilità, della sua dignità di figlio di Dio. Conservatela, rinnovatela, ringiovanitela, arricchitela di tutte le scoperte moderne, adattatela ai vostra ragazzi strapazzati in un modo come Don Bosco non ne aveva visti mai… ma, per carità, conservatela. Cambiate tutto, perdete, se è il caso, le vostre case, che importa? Ma conservate per noi questo tesoro, il modo di Giovanni Bosco di amare e salvare i ragazzi, che batte in migliaia di cuori”.

Il problema prioritario che le nostre società moderne devono affrontare è l’educazione. Questa fu l’intuizione di Don Bosco nel diciannovesimo secolo. Ricordiamoci le parole che pronunciò a Parigi, durante il suo viaggio trionfale del 1883: «Non indugiate nell’occuparvi dei giovani, altrimenti loro non indugeranno ad occuparsi di voi!».

Evangelizzazione ed educazione agiscono, all’interno del Sistema Preventivo, in intima e armoniosa reciprocità. La prassi di Don Bosco è un’arte pedagogico-pastorale.

La pedagogia è un’arte che esige talento, come diceva quel “genio del cuore” che fu Don Bosco.

 

Esistono, in estrema sintesi, alcune caratteristiche necessarie per un’opera che sia realmente educativa secondo il cuore di don Bosco:

 

1            Creatività di artista per coniugare l’impulso pastorale con l’intelligenza educativa, intimamente uniti tra loro dalla grazia di unità. Un po’ di “santa” pazzia e tanto equilibrio, insieme. Si tratta di un tipo di passione apostolica che si sente chiamata in causa dall’attuale clima di secolarizzazione (per cui la stessa educazione viene frequentemente ideologizzata). In Don Bosco il principio metodologico che lo spinge ad agire da vero artista è il suo atteggiamento di amorevolezza: costruire fiducia, familiarità ed amicizia per mezzo dell’esigente ascesi del “farsi amare”. Il sistema preventivo ha molto di carismatico e quindi di “chiamata vocazionale”: “Non basta amare i giovani. Essi devono sentire che sono amati” (Lettera da Roma). Questo non significa né svendersi, né cedere, né transigere con quel che non va bene.

In altri termini, la cosa essenziale, la più importante è la percezione del bambino. Questo grande educatore, considerato nella tradizione ecclesiale come «Padre e Maestro della Gioventù » ci viene spesso presentato, nell’immaginario popolare, con i tratti di un funambolo. Mi ci è voluto un po’ di tempo per comprendere la portata di questa presentazione. Certamente, evoca il periodo dell’adolescenza, quando Giovannino giocava a fare il saltimbanco per riunire i suoi amici. Ma ha anche una rappresentazione simbolica: l’arte di educare, non è forse come l’arte del funambolo? Sapere dire di sì, ma anche saper dire di no; essere sufficientemente vicino ma anche sufficientemente distante, rassicurare, ma anche responsabilizzare. È sempre questione di equilibrio!

 

2          In rapporto di solidarietà coi giovani. Fare il primo passo, “andare ai giovani” è “la prima e fondamentale urgenza educativa”, realizzata in una convivenza che è espressione di solidarietà operativa/effettiva. Il giovane è soggetto attivo nella prassi educativa e deve sentirsi veramente coinvolto come protagonista nell’opera che si vuole realizzare. Senza la sua libera collaborazione non si costruisce nulla. E’ questa l’esperienza di Don Bosco coi suoi ragazzi; egli non agiva conquistandoli educativamente, ma condividendo con essi le responsabilità. Una tale solidarietà educativa è oggi più necessaria che mai, quando la famiglia, la scuola, la parrocchia, la società non sono sempre in sintonia con le esigenze formative del giovane.

L’esperienza insegna che la sfera affettiva è costitutiva di ogni relazione umana. Così, piuttosto che escluderla all’interno della relazione educativa, egli consiglia all’educatore di saperla gestire per instaurare un clima di fiducia. «Senza affetto non c’è fiducia. Senza fiducia non c’è educazione». Questa è, oggi come ieri, la migliore sintesi del pensiero educativo di Don Bosco.

Ci sono, così ci dice Don Bosco, due modi di educare un bambino:

– la dissuasione : questo è il metodo repressivo, fondato sulla paura di una punizione,

– la persuasione : questo è il metodo preventivo, interamente fondato sul rispetto dei diritti umani del bambino. Un’educazione fondata sulla fiducia si basa su una fede incrollabile nell’educabilità del bambino, qualunque siano le difficoltà che lo circondano. Credere nei giovani, significa, ritenere ogni giovane, qualunque possano essere le sue povertà, come un’opportunità di crescita per il gruppo e non come un peso. Infatti, a ben pensarci, è sempre il giovane in difficoltà che fa progredire l’educatore nella sua arte pedagogica: egli lo obbliga a porsi delle domande, a rimettersi continuamente in gioco.

 

3          Con lo sguardo fisso sull’Uomo nuovo. Il fine che si prefigge l’educazione salesiana è la configurazione all’Uomo nuovo (Cristo) in ogni giovane. Evidentemente ciò non è preso in considerazione dall’educazione laicista. Questo principio è frutto delle nostre convinzioni. Per un educatore salesiano Cristo è la migliore notizia che si può dare ad un giovane. Cristo è la pienezza della rivelazione: ci rivela come è Dio e ce lo presenta come Padre; ci manifesta la nostra natura più profonda e ci dice che in Cristo siamo figli di quel Dio-Padre. Non vi è dignità maggiore né miglior notizia da trasmettere. Per questo, Cristo per il salesiano non è una alternativa tra le altre, bensì la pienezza della vita che dev’essere comunicata. Solo Lui è la Via, la Verità e la Vita. L’evento di Cristo non è semplicemente espressione di una formulazione religiosa, ma un fatto obiettivo della storia umana. Ogni persona ha bisogno di Cristo e a Lui tende, anche se non lo sa. Tale tendenza è intrinseca alla natura umana, dato che l’uomo è stato creato obiettivamente nell’ordine soprannaturale, nel quale il ‘progetto uomo’ è pensato in vista del mistero di Cristo. La ricerca malsana di efficacia ed il relativismo religioso va a scapito della personalità dei giovani.

 

4            Mediante un lavoro di carattere preventivo. Prevenire è l’arte di educare in positivo, proponendo il bene in modo attraente; è l’arte di far sì che i giovani crescano dal di dentro, con libertà interiore superando formalismi esteriori; è l’arte di guadagnarsi il cuore affinché camminino con allegria facendo il bene, correggendo deviazioni, preparandosi per l’avvenire. Si tratta di arrivare al nucleo in cui si formano e si radicano i comportamenti.

Bisogna aprire i giovani alla bellezza della germinazione. È questa attenzione al processo di germinazione che caratterizza lo sguardo di Don Bosco verso i giovani. La storia del seme, chiamato a divenire un grande albero, è senza dubbio la più bella parabola sull’educazione.

Esistono tre categorie di uomini e donne paragonate al seme. Prima di tutto, c’è chi nel seme non vede altro che il seme (prospettiva limitata!). Poi, c’è chi vedendo il seme non fanno altro che sognare l’albero (ma questi grandi idealisti, sognando, rischiano fortemente di distruggere il seme). Infine, ci sono coloro che vedono la relazione tra il seme e l’albero. Costoro sono allora attenti al terreno. Educare secondo Don Bosco, significa offrire il miglior terreno per permettere al bambino di radicarsi nell’eredità familiare, sociale, culturale, al fine di schiudersi come nuovo soggetto.

 

5            Unendo in un solo fascio di luce ragione e religione. Lo “‘speciale metodo educativo’ di Don Bosco si presenta sempre con tre poli di valori: la ragione, la religione, l’amorevolezza. Si tratta di tre poli che entrano in tensione “insieme” e non ognuno per conto proprio. Non sono valori semplicemente umani (orizzontalismo) e nemmeno solo religiosi (spiritualismo) né solamente valori di amabilità (sentimentalismo), ma tutti e tre i poli insieme, in un clima di bontà, di lavoro, di allegria e di sincerità, che assicura il funzionamento della grazia di unità nell’azione educativa. Evidentemente la pratica del sistema preventivo diventa, per l’educatore, una spiritualità molto esigente. Non si può praticare senza una comprovata carità pastorale, senza una vera passione per darsi totalmente alla salvezza delle anime. Stiamo parlando di santità pedagogica, di santità attraente ma profonda, di santità che si identifica con l’allegria, ma ottenuta a base di servizio ai giovani, di sacrificio, di lavoro e di temperanza (coetera tolle).

 

6          Con un impegno creativo nei confronti del tempo libero del giovane. Il CG23 afferma che “la vita di gruppo è un elemento fondamentale della tradizione pedagogica salesiana”. A Chieri il giovane Giovanni Bosco fondò la “Società dell’Allegria”; Domenico Savio fondò la Compagnia dell’Immacolata; Michele Magone apparteneva alla Compagnia del Santissimo… Attraverso le associazioni si arriva agli ambienti e ad ogni persona all’interno del proprio gruppo. Naturalmente occorre essere sempre disposti ad offrire un competente accompagnamento personale, specialmente agli animatori e ai responsabili.

 

7          Verso il realismo della vita. Una delle caratteristiche della pedagogia di Don Bosco è il suo aspetto pratico, il voler abilitare i giovani alla vita sociale ed ecclesiale; aiutarli a trovare il posto che loro corrisponde nella Chiesa e nella società (dimensione vocazionale). A questo scopo non bastano le teorie. Occorre unire alla formazione della mente e del cuore l’acquisizione di abilità operative e relazionali : spirito di iniziativa, capacità sincera di sacrificio, inclinazione al lavoro con senso di responsabilità, apprendimento di servizi e di mestieri, ossia un addestramento al realismo dell’esistenza con senso di serietà e di collaborazione.

Una pedagogia della speranza, che vuole due atteggiamenti insieme: rassicurare ma anche responsabilizzare…in quanto solo esercitando responsabilità si impara a diventare responsabili… Molti adolescenti di oggi soffrono proprio per non avere la possibilità di esercitare alcuna responsabilità reale all’interno della società, e questo è particolarmente vero per i giovani in situazione di esclusione sociale… Non stupiamoci poi allora dei loro atteggiamenti di fuga! Il più grande dramma dell’esclusione risiede nel sentimento di inutilità sociale che essa genera. Ciò di cui ha maggiormente bisogno un gran numero di giovani non è tanto incontrare adulti che offrano loro aiuto, quanto adulti capaci di dire: «Ho bisogno di te». Nella buonanotte Giovanni Bosco amava dire ai suoi giovani: «Senza il vostro aiuto, non potrei fare nulla.» Sin dall’inizio della sua opera educativa ebbe l’idea di responsabilizzare i più grandi nei confronti dei più giovani. Tanto più, che quest’anno celebriamo il 150 anniversario della Congregazione Salesiana, nata dalla disponibilità di qualcuno dei ragazzi più sensibili di don Bosco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...